Toolbar
21 Ott 2014

Vino, solfiti ed indicazione in etichetta

Per proseguire il nostro percorso sulle informazioni presenti sull’etichetta di una bottiglia di vino di un Supermercato occorre fare attenzione a due paroline: CONTIENE SOLFITI.
I Solfiti sono una sostanza sempre presente nel vino, perché sono prodotti in modo naturale dalla fermentazione alcolica attivata dai lieviti. Oltre ad essere prodotti naturalmente sono aggiunti dall’uomo sotto forma di biossido di zolfo, sodio solfito o metabisolfito di potassio per accelerare la fermentazione, proteggere il vino da eventuale crescita batterica e in definitiva come conservante.

Bisogna sempre ricordarsi che il processo naturale della fermentazione alcolica del mosto porta all’aceto.
Solo con l’intervento dell’uomo ci possiamo permettere di bere un vino di 15 o 20 anni. Abbiam già parlato con approfondimento e tabelle comparative, sulla ormai iper discussa dicitura contiene solfiti.

Troviamo i solfiti in tantissimi alimenti, oltre al vino nella birra, negli insaccati, succhi di frutta, marmellate, etc. e proprio quelle famigerate sigle che possono andare da E220 fino al E228 nascondono solfiti che in tantissime persone, non in grado di neutralizzarli tramite il sistema epatico, scatenano mal di testa, irritazioni cutanee, orticaria fino allo shock anafilattico.

La legge, purtroppo non ci aiuta, obbligando a scrivere “Contiene Solfiti”  in etichetta solo in caso di concentrazioni superiore a 10 mg/litro.
In generale, i vini bianchi contengono più solfiti dei rossi; in assoluto i vini con più solfiti sono i vini bianchi dolci.
Sotto il limite dei10 mg/litro non è necessario indicare niente, mentre i limiti massimi imposti dalla Comunità Europea sul contenuto finale di Solfiti sono di 160 mg/litro per i vini rossi secchi e di 210 mg/litro per i vini bianchi; per valori superiori il vino non può essere messo in commercio.
In definitiva,un vino rosso che presenta in etichetta la dicitura “Contiene Solfiti”  potrebbe contenerne 11 mg/ litro come 160 mg/ litro. Sarebbe ora di indicare in etichetta la quantità di solfiti presenti nel vino in modo che il consumatore possa scegliere in modo consapevole il prodotto da acquistare.

Vino Rosso secco cosa dice la legge:

fino a 10 mg / litro            nessuna dicitura in etichetta

Tra i 11 e i 160 mg / litro        indicazione in etichetta “Contiene Solfiti

Sopra i 160 mg / litro            il vino non può essere messo in commercio

 

alla prossima guida, lì parleremo di biologico.

Pasquale Testardi

Testardi Pasquale (55 anni) Sommelier Ais dal 2006 diplomato presso AIS delegazione di roma.

Esperenzia di collaborazione per degustazioni presso ristorante l'Accademia del Gusto di Mentana (RM). Corsi di Introduzione al vino Elaborazioni di Carte dei vini per Ristoranti e Wine Bar.

Lascia un commento






Il vino prepara i cuori

e li rende più pronti alla passione. 

Newsletter/Iscriviti







Metti Mi Piace e segui la tua passione per il Vino