Toolbar
18 Nov 2016

Ho avuto la fortuna di recensire più volte la Riserva Inferi del Montepulciano d’Abruzzo dell’azienda Marramiero. Inizialmente le prime due annate, risalenti alla prima metà degli anni ’90 del secolo scorso, il 1993 e il 1994. In queste circostanze ho commentato l’attitudine di questo vino ad attraversare il tempo e il sorprendente modo con cui evolve sotto il profilo organolettico. Più di recente, in occasione dell’anteprima del Montepulciano d’Abruzzo, ho degustato l’Inferi Riserva 2013, giovanissimo e non ancora in commercio.

Come in commercio è invece il millesimo 2012 della Riserva Inferi, il vino che proverò a raccontare oggi. Le uve provengono dai vigneti aziendali situati a 270 metri di altezza presso la Masseria Sant’Andrea di Rosciano in provincia di Pescara, tra il mar Adriatico e il Massiccio delle Maiella. Uve prodotte tramite la pergola abruzzese, forma di allevamento della vite che riduce l’irradiamento solare sui grappoli, favorendo lo sviluppo dei polifenoli e degli aromi.

Questo tradizionale sistema di allevamento è stato mantenuto soltanto nelle vigne storiche risalenti agli anni ’70 e impiantate su terreni argillosi, con un’esposizione ottimale a sud-est e una densità di 1600 ceppi per ettaro. Le piante, ormai in piena maturità, dispongono di un profondo sistema radicale che permette loro di superare i periodi più siccitosi e di estrarre dal terreno le sostanze minerali, i nutrienti e l’acqua necessari alla migliore crescita dei grappoli. Le vigne più giovani sono invece condotte con le classiche forme a spalliera, come il guyot e il cordone speronato, sistemi di allevamento che presentano migliori rendimenti nelle annate meno favorevoli. La resa complessiva è comunque bassa, non superando i 70 quintali per ettaro, mentre la vendemmia è tipicamente tardiva a fine ottobre.

In cantina la lunga fermentazione sulle bucce avviene a temperatura controllata e mantenuta tra i 25 e i 30 °C, quando si sviluppano grandi quantità di anidride carbonica. Dopo la svinatura inizia l’affinamento, dapprima in acciaio per circa 18 mesi, dove viene anche svolta la fermentazione malolattica. La maturazione continua quindi in legno francese e di Slavonia di varia capienza per altri 18 mesi. Il vino viene quindi messo in imbottiglia dove stabilizza per almeno 6 mesi prima di essere commercializzato.

L’annata 2012 è stata caratterizzata da importanti nevicate invernali che hanno garantito al terreno consistenti riserve idriche. A questi eventi sono seguiti momenti di intenso freddo primaverile e un recupero nella crescita delle uve durante l’estate. La maturazione del Montepulciano, che è un vitigno tipicamente tardivo, è stata favorita delle piogge di inizio settembre e dalle successive giornate particolarmente assolate. Queste condizioni atmosferiche hanno permesso il perfetto sviluppo fenologico delle uve che, alla vendemmia, presentavano una notevole ricchezza di estratti, con zuccheri naturali di oltre il 20%. L’Inferi Riserva 2012 propone una gradazione alcolica di 14° e un’acidità di oltre 6 grammi/litro.

Passiamo quindi alla degustazione.

Montepulciano d’Abruzzo Inferi Riserva 2012

Il vino mostra nel bicchiere un bellissimo color rubino scuro con bagliori granato. L’intensità del colore dimostra tutta la ricchezza antocianica dell’uva Montepulciano. Imponendo una rotazione al calice, forma archetti fittissimi, con una lacrima che scende lentamente, segno dell’imponente struttura del vino. Dopo averlo ossigenato un po’ nel bicchiere, l’Inferi presenta uno spettro olfattivo potente e articolato. Subito sentori di violetta, quindi fruttati come prugna matura e confettura di frutti di bosco. Ora note che fanno presagire un inizio di terziarizzazione come tabacco, speziato di pepe, chiodi di garofano e cardamomo, grafite e cenni di liquirizia. Chiude con un lungo finale balsamico di eucalipto. In bocca il vino è secco, caldo, rotondo e avvolgente, con un tannino di bellissima fattura e la notevole acidità, evidente indizio di grande gioventù. Lunghissima la persistenza gustolfattiva di matrice balsamica. Vino appena pronto ma già quasi in equilibrio e armonico.

Montepulciano che, per mostrare appieno la sua stoffa, andrà atteso pazientemente ancora per qualche anno. E che non mancherà di continuare a stupire ed emozionare, certi delle sue capacità evolutive.

Alessandro Genova

Sommelier professionista dal febbraio del 2005, sono soprattutto un appassionato a cui piace leggere e documentarsi a proposito dei territori, delle tecniche di degustazione e del meraviglioso mondo che ruota attorno al vino. E che ama ovviamente degustare.

Mi piace mantenere relazioni con produttori, enologi e appassionati come me e non disdegno l’approfondimento delle problematiche distributive e marketing della produzione e della commercializzazione del vino.

Google+ plus.google.com/u/0/108074096203317045523/?rel=author

Lascia un commento






Il vino prepara i cuori

e li rende più pronti alla passione. 

Newsletter/Iscriviti







Metti Mi Piace e segui la tua passione per il Vino