Toolbar
03 Apr 2014

Sono passati alcuni anni da quell’evento che si tenne all’Auditorium Parco della Musica di Roma. Si trattava di “Sensofwine” di Luca Maroni una grandissima degustazione con banchi di assaggio che ripercorreva in lungo e in largo il meglio dei vini italiani. Fu in quella occasione che conobbi i figli di Mimmo Pasetti e in particolare Francesca dai capelli rossi, proprio come nonna Rachele, che da il nome al Montepulciano Testarossa, uno dei prodotti di punta di questa bella Azienda Abruzzese.

Parlammo dei vini di casa Pasetti e del Montepulciano come uno dei vini più interessanti e di maggior prospettiva. Mi ritrovai nel calice da degustazione, alla fine della batteria dei vini presentati da Pasetti alla manifestazione, un rosso cupo e impenetrabile. L’Harimann.

Sinceramente mi spiazzò, era lontano anni luce dalla mia idea di Montepulciano, opulento,disegnava archetti glicerici nel bicchiere, sontuoso nei profumi dall’ampio respiro che parlava di amarena sotto spirito, mirtillo, china, un vino da cui trasaliva, al naso, un mercato arabo pieno di spezie orientali, tabacco e sbuffi di rosmarino.

Al sorso rispondeva potente, con una alcolicità che sfiorava i 15,5 %, tannino vellutato, ben supportato da freschezza, con un finale di persistenza infinita e chiusura cioccolatosa. Un vino strepitoso, figlio di una vendemmia tardiva, con uve raccolte nella prima decade di novembre, per una maggior concentrazione degli zuccheri, impianto a tendone con basse rese non superiore ai 80 Quintali / Ettaro ai piedi del Gran Sasso che domina il vigneto di Pescosansonesco.

Un vino che non teme confronti con i migliori Amaroni della Valpolicella.
L’Harimann è una scommessa fuori dal coro, un fiore all’occhiello di una Azienda che rappresenta il meglio dell’Enologia abruzzese.
Abbinamento non facile per questo colosso, capace di sovrastare qualunque cibo, vino da meditazione, da bere a fino pasto, magari accompagnato da un Pecorino di Farindola Dop Stagionato *.

Segue……………
* Il Pecorino di Farindola Dop, Presidio Slowfood, è un formaggio prodotto in un territorio limitato ad alcuni comuni tra le provincie di Teramo e Pescara, sul Gran Sasso tra cui Castelli e Farindola da cui prende il nome. E’ un formaggio antichissimo,citato anche da Plinio il Vecchio, unico al mondo, perché prodotto con caglio di maiale che gli conferisce una particolare piccantezza. E’ lavorato esclusivamente dalle donne dei paesi che fanno parte del Consorzio con latte di Pecora Pagliarola. Profuma delle erbe che crescono in primavera sul Gran Sasso, leggermente piccante e aromatico, con pasta avorio tendente al giallo con la stagionatura. Difficile da reperire. Si compra sul posto o da Eataly.

Pasquale Testardi

Testardi Pasquale (55 anni) Sommelier Ais dal 2006 diplomato presso AIS delegazione di roma.

Esperenzia di collaborazione per degustazioni presso ristorante l'Accademia del Gusto di Mentana (RM). Corsi di Introduzione al vino Elaborazioni di Carte dei vini per Ristoranti e Wine Bar.

Lascia un commento






Il vino prepara i cuori

e li rende più pronti alla passione. 

Newsletter/Iscriviti







Metti Mi Piace e segui la tua passione per il Vino