Toolbar
Per amanti dei vini bianchi e rosè

Partiamo dal territorio e la storia di questo vino frascati

Agronomi, enologi,vignaioli e la storia secolare del Frascati ci dicono che i Castelli Romani rappresentano un territorio ad altissima vocazione enoica.
I suoli vulcanici capaci di regalare finezza al vino,la giacitura collinare dei vigneti, un clima mediterraneo e ventilato che garantiscono sanità e perfetta maturazione delle uve ed inoltre un’importante escursione termica che agevola lo sviluppo della componente aromatica uniti alla valorizzazione dei vitigni autoctoni e tradizionali che hanno dato nobiltà al Frascati in un passato ormai un po’ lontano, e penso soprattutto a Malvasia Puntinata, Greco e Bellone, costituiscono uno straordinario potenziale per la realizzazione di vini di qualità superiore. Purtroppo per lungo tempo, ed in gran parte ancora oggi, quest’ enorme potenziale è stato mortificato da una sovrabbondante produzione di vini mediocri ed a basso costo che finivano e finiscono sugli scaffali della Grossa Distribuzione italiana ed estera(soprattutto inglese)e su molte tavole di una certa ristorazione romana ancora impreparata e spesso anche un po’ cialtrona che lo vende come vino da tavola.

Beati tra i vini bianchi d'Abruzzo

il 05 Novembre 2013 by Matteo Carlucci

La scorsa estate siamo riusciti a organizzare una visita alla Cantina Torre dei Beati, prima che il proprietario, Fausto Albanesi, provasse a prendersi qualche meritato giorno di vacanza, e grazie alla sua grandissima disponibilità a metà mattina eravamo nelle sue mani, pronti a visitare la cantina di Torre dei Beati, sperduta tra le colline di contrada Poggioragone, nel comune di Loreto Aprutino (PE). Fausto ci mostra subito gli impianti di cantina, i soliti tank d’acciaio a doppia parete con refrigerazione per il controllo della temperatura, qualche barrique francese in attesa di riempimento, ma quel che ci propone come fiore all’occhiello è il tavolo di selezione, una macchina sulla quale l’uva, rovesciata dalle cassette, scorre sotto l’occhio di selezionatori che decidono cosa destinare o meno alla vinificazione, in modo da governare al meglio l’uniformità della maturazione. E' lo step finale di una vendemmia in più passate (fino a 5-6) con selezione dei migliori grappoli, lasciando in pianta quelli che necessitano ancora il contributo della natura per arricchirsi e donare il meglio delle proprie sostanze.

Una testa a testa tra Elena Walch e Cantine del Coppiere


Premessa
Prima di entrare nel vivo dell’articolo una premessa: sono dell’opinione che il prezzo non sempre faccia la differenza e che spesso cantine meno conosciute (e magari con prezzi inferiori) possano lasciarci piacevolmente meravigliati, sarà questa una situazione simile?

 

Elena Walch: una piacevole e casuale scoperta
Ero abituato ad acquistare Gewurztraminer della cantina Cavit (costo per bottiglia 8-13 euro ), un ottimo prodotto che vale la pena certamente di provare.
Per puro caso (mancanza di prodotto) mi trovo ad acquistare la stessa tipologia di vino della cantina Elena Walch, cantina originaria proprio della zona del Tramin, prezzo per bottiglia 12-16 euro.
L’azienda ha una storia lunga (fondata nel 1869) e prestigiosa impreziosita dalla splendida zona in cui sono presenti i suoi vigneti.

Questo è il periodo dell’anno per degustarli al meglio.
Sto parlando dei vini rosati, croce e delizia dell’enologia italiana.
Rappresentano una piccola fetta del mercato e sono ingiustamente considerati vini di serie B, sebbene facciano parte della tradizione del nostro territorio.
Sono da sempre presenti sulle tavole degli italiani, dai rosati del Salento da uve Negroamaro ai Cerasuoli d’Abruzzo da uve Montepulciano.

Casalfarneto e Cantina Tollo

Tornato alla ribalta soltanto nell'ultimo decennio, il Pecorino è sicuramente un vino dalle grandi potenzialità che sta ricevendo ampi consensi nel mondo dei wine lovers e degli addetti ai lavori. Il vitigno è originario delle dolci colline che si estendono tra Abruzzo e Marche, anche se soltanto quest'ultima può fregiarsi della certificazione DOC.
Ed appartengono proprio a due Cantine di queste regioni i prodotti che abbiamo degustato e messo a confronto per scoprire di più sul Pecorino: Casalfarneto e Cantina Tollo.

ITALIA-GERMANIA, LA SFIDA CONTINUA… Quali sono le sue origni? Alcuni dicono Alsazia, altri Termeno in provincia di Bolzano. Sta di fatto che per la prima volta il nome appare nel “Libro della Natura” di Megenberg, decano del duomo di Rogensburg, città della Franconia. In entrambi i casi, di cosa stiamo parlando?

Pagina 11 di 11

Il vino prepara i cuori

e li rende più pronti alla passione. 

Newsletter/Iscriviti







Metti Mi Piace e segui la tua passione per il Vino