Toolbar
29 Lug 2016

Abruzzo, terra antica dove la produzione viticola si fa risalire sin dall’età del ferro. Come scrisse Ovidio, nativo di Sulmona, “terra ricca del dono di Cerere e ancor più feconda di uve”. Uve come Montepulciano e Trebbiano, che sono indissolubilmente legate a questa terra.

A fine giugno ho avuto il privilegio di partecipare alla quarta edizione dell’AMA, l’Anteprima del Montepulciano d’Abruzzo, manifestazione che si è tenuta a Chieti nella splendida cornice del Museo archeologico La Civitella. Ho potuto assaggiare molti Montepulciano, oltre che altri vini di questa regione così importante nel panorama ampelografico nazionale.

L’Abruzzo si caratterizza per la presenza di estesi e elevati rilievi, tra cui le più alte montagne degli Appennini appartenenti al Gran Sasso e al Massiccio della Maiella. Nel complesso la regione è occupata per quasi due terzi dei suoi 10.798 kmq di estensione da montagne e la restante parte da colline che declinano dolcemente verso il mar Adriatico.

Il clima della regione è condizionato dall’altitudine e dalla disposizione dei monti. Si presenta più mite sul versante appenninico rivolto al mare Adriatico, con una temperatura media di 12-16°C. Se si escludono alcune zone siccitose del basso Abruzzo, la regione presenta una ragguardevole piovosità. Le precipitazioni sono scarse sulla costa, poi aumentano nelle parte più elevate, per diminuire nuovamente nelle conche interne riparate dai venti. Buona la ventilazione per un clima che rimane nel complesso benevolo. Anche la luminosità è molto favorevole.

La composizione dei suoli è piuttosto varia. La parte orientale del pescarese e del chietino è formata da un’ampia fascia collinare, composta prevalentemente da terreni argillosi, arenacei e sabbie. La sezione occidentale è quella maggiormente montuosa, dove prevalgono arenarie grigiastre. Nell’estesa regione montana dell’aquilano si dischiudono bacini particolarmente importanti costituiti da terreni argilloso-calcarei e arenarie, tendenzialmente compatti e di medio impasto. Adeguata la situazione idrica della regione.

In questo contesto ambientale la viticultura abruzzese si sviluppa per circa 32.000 ettari vigneto, quasi la metà dei quali impiantati a denominazioni d’origine. La produzione si attesta a un totale di circa 2,5 milioni di ettolitri di vini. La regione è sempre meno considerata come grande produttrice di mosti, ma al contrario di vini di qualità buona o eccelsa. Tra l’altro, negli ultimi anni si sono approfondite le ricerche di selezione clonale soprattutto sui vitigni autoctoni, mentre assistiamo ad una conduzione del vigneto maggiormente improntato a criteri biologici e al minor impatto ambientale.

Oltre il 90% della viticultura abruzzese si sviluppa in collina mentre la restante parte in montagna, con vigneti che raggiungono i 1000 m dove è praticata una vera e propria viticultura eroica. Ben il 56% il vigneto abruzzese è impiantato a Montepulciano, prodotto per il 75% nella sola provincia di Chieti. Forse anche per questi numeri è stata scelta della location della manifestazione a cui ho partecipato: storia, cultura e Montepulciano passano per Chieti, e la scelta del Museo della Civitella è apparsa quanto mai appropriata.

In Abruzzo il Montepulciano lo ritroviamo così nelle produzioni del Montepulciano d’Abruzzo Colline Teramane nel Montepulciano d’Abruzzo, mentre è presente in uvaggio nel Controguerra rosso. Sempre da uve Montepulciano, di assoluto rilievo è il Cerasuolo d’Abruzzo, uno delle più importanti denominazioni di vini rosati del Paese.

Durante la manifestazione ho avuto modo di degustare in anteprima molti Montepulciano e Montepulciano riserva 2013. Assieme a questi, ho avuto modo di assaggiare anche altri millesimi di Montepulciano assieme a tanti altri vini della regione. Di seguito, il racconto di quelli che mi hanno maggiormente colpito.

Montepulciano d’Abruzzo Eikos 2013 – Agriverde

Rubino lucente, naso complesso con sentori fruttati in evidenza, quindi tabacco e spezie scure. Bocca importante, dove spicca una bella acidità e un tannino non ancora domo. Lunga la chiusura con un retrolfatto di liquirizia.

Montepulciano d’Abruzzo Rubestro Riserva 2013 – Cantina Frentana

Rubino cupo con bagliori granata, al naso percepiamo dei bellissimo sentori floreali di glicine e violetta, con un chiaro fruttato di amarena e un finale speziato. In bocca è già quasi in equilibrio, con tannini setosi e una buona morbidezza glicerica. Chiude fruttato.

Montepulciano d’Abruzzo Le Pinciaie Riserva 2013 – I Lauri

Colore rubino, appena scarico all’unghia, presenta uno spettro olfattivo ampio. Confettura di more, ciliegia, tabacco, quindi cuoio e una chiusura di liquirizia. Una vivace acidità e una bella trama tannica caratterizzano la bocca. Vino che fa presagire una lunga evoluzione.

Montepulciano d’Abruzzo Inferi Riserva 2013 – Marramiero

Di colore rubino pieno, al naso mostra tutta la sua gioventù. Ciliegia, spezie dolci come vaniglia e cannella, un accenno di tabacco. In bocca l’acidità è preponderante, mentre i tannini sembrano già setosi e comunque molto ben gestiti. Un campione in anteprima non confrontabile con millesimi come il 1994 o il 1993 da me già recensiti in passato. Un vino che comincerà a mostrare tutta la sua piacevolezza tra non meno di due anni.

Montepulciano d’Abruzzo 2013 – Cantina Bottari

Bel rubino lucente, all’olfatto è un'esplosione di sentori frutta: ciliegia, amarena, mora. Quindi note speziate di noce moscata e un finale balsamico. In bocca, nonostante prevalgano le componenti dure legate alla gioventù, colpisce per la buona morbidezza. Significativa la persistenza gustolfattiva.

Montepulciano d’Abruzzo 2013 – Tenuta I Fauri

Colore rubino pieno. Al naso spiccano i sentori floreali e fruttati, mentre cominciano a delinearsi delicate note speziate che fanno presagire un inizio di terziarizzazione. Sorso pieno e potente che evidenzia una spiccata acidità, con una lunga chiusura mentolata.

Montepulciano d’Abruzzo Impeto 2013 – Speranza

Rubino splendente, presenta un ventaglio olfattivo interessante e complesso. Attacco fruttato, con visciola in evidenza, quindi sentori di spezie dolci e tabacco. Ancora, note tostate di caffè. Bocca gustosa, con una vivida acidità e un tannino molto ben presente. Persistente.

Montepulciano d’Abruzzo Colline Teramane Pepe Nero Riserva 2006 – Stefania Pepe

Splendido Montepulciano prodotto dalla figlia di Emidio. Il vino si presenta con un colore granato, ancora rubino al centro del bicchiere. Olfatto articolato con profumi di confettura di amarena, tabacco, cioccolato, cuoio e evidenti sentori pepati. Bocca larga ormai in equilibrio, dove le componenti dure sono bilanciate da alcol e glicerina. Lunga chiusura speziata. Mi è piaciuto moltissimo, unico Montepulciano non in anteprima che ho deciso di recensire.

Nel complesso registro un livello dei vini particolarmente elevato, in special modo dei Montepulciano che si confermano indissolubilmente legati a questa terra. Segnalo anche una partecipazione di produttori competenti, appassionati e consapevoli della necessità di preservare e valorizzare il proprio territorio, vista la diffusa cultura nella conduzione di una viticultura biologica o comunque a limitato impatto ambientale.

Alessandro Genova

Sommelier professionista dal febbraio del 2005, sono soprattutto un appassionato a cui piace leggere e documentarsi a proposito dei territori, delle tecniche di degustazione e del meraviglioso mondo che ruota attorno al vino. E che ama ovviamente degustare.

Mi piace mantenere relazioni con produttori, enologi e appassionati come me e non disdegno l’approfondimento delle problematiche distributive e marketing della produzione e della commercializzazione del vino.

Google+ plus.google.com/u/0/108074096203317045523/?rel=author

Lascia un commento






Il vino prepara i cuori

e li rende più pronti alla passione. 

Newsletter/Iscriviti







Metti Mi Piace e segui la tua passione per il Vino