Toolbar
21 Lug 2015

L’incontro di venerdi 22 maggio 2015 nella sede dell’AIS di Tivoli con il produttore Stefano Casadei è stata l’occasione per conoscere un personaggio del mondo del vino schivo ma determinato nel perseguire tre ambiziosi progetti, accumunati dalla stessa filosofia: Qualità dalla terra al vino.

Le tre aziende sono: - Castello del Trebbio, splendida tenuta del 1400’ di 350 ettari nel cuore del Chianti Fiorentino; castello conosciuto per essere stato teatro della Congiura dè Pazzi contro la famiglia de’ Medici; - Tenuta Casa Dei, a Suvereto (LI) nella Toscana Meridionale con i suoi 15 ettari a conduzione Biologica; - Azienda Agricola Olianas a Gergei in Sardegna a 60 Km da Cagliari dove nei 14 ettari di terreno i vitigni autoctoni Cannonau, Bovale, Carignano e Vermentino, Nasco e Malvasia la fanno da padrone.

Casadei, specializzatosi in Enologia presso le facoltà di Bordeaux e Montpellier, persegue quello che lui stesso definisce il metodo Biointegrale, un protocollo di agricoltura etica che ha nella tutela dell’ambiente il perfetto equilibrio tra recupero di metodi tradizionali e moderna ricerca scientifica. Ricerca che l’ha portato a riscoprire una antica pratica enologica come il vino in anfora, grazie alla quale un personaggio come Josko Gravner ha costruito la sua celebrità all’interno del mondo del vino. All’interno delle anfore l’uva si trasforma in vino in modo naturale, scevro da tecniche enologiche che rischiano di omologare il gusto esaltando, invece le caratteristiche del terroir. 

I vini in degustazione, condotta in modo egregio da una docente AIS, sono stati sette e ve li elenco nell’ordine in cui sono stati serviti ai presenti al seminario.

Vermentino di Sardegna DOC - Azienda Olianas -

Da uve Vermentino coltivato in azienda in vigneti a 400 mt di altitudine. Le forti escursioni termiche conferiscono al vino mineralità e struttura sostenuto da nerbo acido. I 15 giorni in cui l’uva macera con le bucce donano un colore dorato al vino con lampi verdognoli e luminosità vivida. Affina per 6-8 mesi in acciaio e barrique.

I sentori di ginestra a pesca bianca e la buona persistenza e delicata aromaticità ne fanno un vino perfetto da aperitivo e per piatti delicati a base di pesce.

Bianco della Congiura Toscana IGT - Azienda Castello del Trebbio -

Questo vino rappresenta la sfida di riuscire a fare un grande bianco in un territorio vocato a vini rossi strutturati.

I terreni più freddi della tenuta hanno conferito al Pinot grigio, al Riesling ed al Manzoni bianco la freschezza e sapidità necessari per dare un vino elegante a cui segue un affinamento in acciaio e barrique.

Le note aromatiche rendono questo bianco buono per accompagnare dei saltimbocca alla romana dove la salvia, presente nella preparazione, ben si sposa con l’aromaticità del vino.

Rosato Isola dei Nuraghi IGT

Nato da un’attenta selezione delle migliori uve di Cannonau presenti in azienda.

Spicca per lo splendido color corallo e la mineralità.

In bocca la freschezza accompagna note evidenti di melograno e mirto. Perfetto con la zuppa alla Gallurese.

Cannonau DOC Sardegna

Prodotto con il 95% di Cannonau e un 5% di Tintillu questo vino rappresenta in modo perfetto le peculiarità del territorio e del vitigno.

Si presenta alla vista con un rosso rubino scarico, in bocca spiccano note evidenti di rosmarino, mirto e macchia mediterranea. Frutto maturo evidente che si accompagna ad una piacevole freschezza.

Affina in acciaio e barrique di 2° passaggio per 8-10 mesi. Da provare con maialino sardo.

Sangiovese Anfora

All’interno delle anfore interrate da 8 hl l’uva si trasforma in vino in modo naturale, con lieviti autoctoni e senza controllo della temperatura per venti giorni. Si ottiene un prodotto estremamente originale che colpisce per schiettezza e spiccata personalità.

Matura in anfora da 5 hl per circa 8 mesi ed infine imbottigliato senza chiarifica né filtrazione.

Nette le note di frutto maturo, con un naso non troppo evidente. Un vino di non facile lettura. Per addetti ai lavori.

Sogno Mediterraneo Toscana IGT

Nella tenuta di Suvereto, in Toscana, nasce questo blend di Sirah, Grenache e Mourvedre.

Si è puntato alla qualità con un’alta densità di impianto che raggiunge i 7500 ceppi per ettaro cercando di non superare il kilo- kilo e 200 grammi per pianta.

Affina in barrique nuove e di 2° passaggio per 10-12 mesi. Note speziate che ricordano il tabacco fresco, il cuoio e funghi.

Matrimonio d’amore con una bistecca di Chianina non troppo cotta.

Lastricato Chianti Rufina DOCG Riserva

Un vero Sangiovese! Prodotto dalla migliore selezione dei vigneti di Castello del Trebbio.

Affina in botti di rovere da 20 hl per 30 - 36 mesi per ottenere un vino di grande eleganza, evoluto, con richiami di caffè, legno, e sottobosco.

Complesso e longevo saprà accompagnare in modo egregio preparazioni con cacciagione e carni scure. Prosit.

Pasquale Testardi

Testardi Pasquale (55 anni) Sommelier Ais dal 2006 diplomato presso AIS delegazione di roma.

Esperenzia di collaborazione per degustazioni presso ristorante l'Accademia del Gusto di Mentana (RM). Corsi di Introduzione al vino Elaborazioni di Carte dei vini per Ristoranti e Wine Bar.

Lascia un commento






Il vino prepara i cuori

e li rende più pronti alla passione. 

Newsletter/Iscriviti







Metti Mi Piace e segui la tua passione per il Vino