Toolbar
20 Ago 2014

La ricetta di oggi è stata “trafugata” da un ristorante dove sono solito andare a mangiare, specie per cene di lavoro.
Una sera, dopo una delle solite giornate alle prese con l’intenso ritmo di lavoro, una telefonata allieta il tempo libero: Angelo un amico di Università ri-abbracciato per pura coincidenza l’anno scorso, scoprendo che , dopo anni in cui ci eravamo persi, il lavoro ci aveva ri-uniti affidandoci alla stessa città!
“Aperitivo assieme?” Perfetto!
Causa il mio ritardo Angelo decide che piuttosto che fare un aperitivo sarebbe più opportuno cenare!
Ok! E’ andata! Quattro passi e siamo da Giampaolo!
Siamo a dieta entrambi per cui la scelta ricade sulle insalatone, molto abbondanti, offerte da questo ristorantino semplice ma elegante a portata di passeggio.

La mia scelta ricade su “L’innamorata”:

  •     Insalata Iceberg
  •     Lattuga
  •     Radicchio
  •     2 fettine di petto di pollo alla piastra spezzettate (in alternativa potete utilizzare cotolette di pollo)
  •     Scaglie di parmigiano
  •     2 filetti di tonno (in totale circa 200 grammi)
  •     4/5 pomodorini datterini
  •     25 grammi di mais
  •     Giusto qualche fogliolina di rucola
  •     1 carota tagliata alla julienne
  •     Olio, sale, glassa di aceto balsamico

Amore a prima vista per quest’insalata, l’ideale d’estate.
Sul vino invece c’è qualche problema!
La scelta è ampia ma alla fine decido per Rampone, un Fiano Minutolo prodotto dalla Cantina I Pastini di Martina Franca in provincia di Taranto.

Qui occorre una precisazione il Minutolo non è il Fiano di Avellino, e neppure gli somiglia!
Si tratta di un vitigno totalmente diverso e molto profumato, qualcuno di mia conoscenza lo ha definito il Gewurztraminer del sud, io lo ritengo meno invadente al naso e più fine!
Un vitigno poco conosciuto e riscoperto solo da pochi anni.
“Ci spiace non l’abbiamo!”
Bene allora andiamo su un Riesling!
“Finito ci spiace, le posso proporre un Fiano di Avellino Mastroberardino?”
Ovviamente il cameriere non sembrava conoscere la differenza col Fiano Minutolo!

Angelo propone una Ribolla Gialla, io rilancio con un Gewurztraminer, coerentemente col paragone di cui sopra!
Tra le varie cantine scelgo Falkestein di Franz Pratzner.

Il clima trentino, le pendenze, la elevata densità degli impianti e l’uso del legno d’acacia rendono i vini dell’azienda complessi ed eleganti .
I 14 gradi circa uniti agli odori forti e variegati ne fanno un leader: assoluto protagonista della nostra cena!
Giallo paglierino carico e brillante, sprigiona aromi molto intensi ma allo stesso tempo eleganti: rosa, sentori balsamici, erbe e profumo di rosa.
Ad occhi chiusi mi sento come in una passeggiata di prima mattina tra verdi colline dove si susseguono odori e profumi diversi dandosi il cambio armonicamente come in una staffetta.
In bocca ha un corpo forte, in grado di supportare il vino, sapido e minerale con un’esplosione di aromi che, oltre ad essere forti e chiari, lasciano la bocca inebriata per una cospicua manciata di secondi.

Una bella serata con un amico, un pasto leggero ma saporito ed un buon vino bisogna solo ringraziare il destino!

Wine

Bevendo gli uomini migliorano: fanno buoni affari, vincono le cause, son felici e sostengono gli amici.

Google+ plus.google.com/b/100684260859710572834/100684260859710572834/?rel=author

Lascia un commento






Il vino prepara i cuori

e li rende più pronti alla passione. 

Newsletter/Iscriviti







Metti Mi Piace e segui la tua passione per il Vino