Oggi parleremo di vino in modo diverso, andando a toccare l’uso alternativo del nostro nettare preferito ed il mondo dell’arte.

Non avete idea di quante cose magnifiche possano farsi col vino, quando decidiamo di non berlo tutto!

Per fare tutto ciò abbiamo scambiato qualche chiacchiera con Maurizia Gentili, alla scoperta di un “mondo” fatto di natura, territorio e pennellate.

Maurizia è un’artista emiliana, che si definisce “piacentina doc”, lavora in simbiosi con la natura ed il territorio riportando su carta pigmenti e linfe naturali.

La nostra artista viene da una famiglia di origini contadine che le ha trasmesso l’amore per la sua terra.
Un passato da piccola raccoglitrice e pestatrice d’uva!
Di tempo ne è passato ma l’amore per la vita e per il paesaggio collinare sono ancora vivi, forse più di prima!

 

Nella provincia di Asti tra il Monferrato e le Langhe adagiato in mezzo a colline ricoperte di vigneti si trova il comune di Calosso e proprio in quest'area del basso Piemonte dove la barbera e il moscato fanno la parte del leone viene coltivata un'uva autoctona chiamata Gamba di Pernice.

Raro e sconosciuto, sopravvissuto alla fillossera e per molti anni a rischio di estinzione il Gamba di Pernice, e' un vitigno a bacca rossa allevato a piede franco che prende il nome da una peculiarità di questa varietà ossia dall'arrossamento del raspo prima dell'invaiatura  che assume un colore simile alle zampe delle pernici.

Film: Il profumo del mosto selvatico (1995)

Il cast e la trama
Il film è un remake di Quattro passi fra le nuvole del 1942 di Alessandro Blasetti, tra i protagonisti spiccano Keanu Reaves, Giancarlo Giannini ed un grande Anthony Quinn
Reduce della seconda guerra mondiale, Paul Sutton (ReevesReeves), un ex rappresentante di cioccolatini, cerca di ricucire il rapporto con la moglie (Aragon), abbandonata cinque anni prima, ma durante le sue trasferte accetta di farsi passare per il marito di una ragazza incinta (Sanchez-Gijon), figlia di un ricco viticoltore della Napa Valley,  che deve tornare in casa del padre-padrone (GianniniGiannini) ; nata come una messinscena i due finiscono per innamorarsi tra i fantastici scenari californiani e qualche colpo di scena.

Newsletter/Iscriviti







Metti Mi Piace e segui la tua passione per il Vino