Una naturale sensazione di entusiasmo: vermentino nero

E‘ questa la principale emozione che mi ha accompagnato nel tragitto di ritorno per la stretta strada che discende i declivi delle colline, immersa come è tra i profumati boschi e i fitti vigneti coltivati su terrazzamenti interamente inerbiti a rendere elegante e antropizzato un paesaggio già sontuoso.
Siamo sulla Strada del vino dei Colli di Candia: alle nostre spalle le Alpi Apuane svettano bianche e solenni, su tutte il monte Sagro, picco solitario dove l’antico popolo dei Liguri celebrava il culto della pietra; di fronte a noi il Mar Tirreno e in mezzo le colline e poi la pineta che accoglie la riviera versiliese e le vicine province di Massa e Carrara.

Non ci sono dubbi sul fatto che il Vermentino ami il mare. Il suo passato è poco chiaro: c'è chi dice che viene dall'Oriente, chi dall'Anatolia, chi dalla penisola iberica.  Di certo sappiamo che, dopo una breve sosta in Francia si è stabilizzato in Italia, scegliendo come sue dimore le zone più belle della nostra penisola. Il Vermentino volteggia intorno al mare, sulle colline e sulle campagne accarezzate dai venti salati sospinti dal mare. Sono tra le migliori coste italiane quelle che ospitano i filari di questo vitigno semi aromatico. Sardegna, Liguria , Toscana, regioni mediterranee che si sono dimostrate essere le terre di elezione del Vermentino dandogli la possibilità di esprimersi al meglio e di regalarci vini eccellenti.

Newsletter/Iscriviti







Metti Mi Piace e segui la tua passione per il Vino