01 Lug 2015

L’Unione Europea è da tempo al centro di polemiche riguardanti l’egemonia della Germania, le politiche economiche (fiscali e monetarie imposte) e le difficoltà di paesi come la Grecia, il Portogallo, l’Italia e la Spagna. 

A noi italiani sembra molto spesso di esserci beccati solo “il cattivo” di questa unione, che spesso ci crea problemi riguardanti anche la tutela dei nostri prodotti tipici.

L’ultimo schiaffo ricevuto è la riforma del settore vitivinicolo che consente di realizzare del vino … senza uva! Tra gli stand presenti al Vinitaly, infatti, c’era anche quello di un’azienda ungherese che mostrava “vini” prodotti grazie alla fermentazione di frutti diversi dall’uva come lamponi e ribes. Secondo la Coldiretti si tratterebbe di un sopruso ad un prodotto che è sempre, fin dall’antichità, stato realizzato on l’uva.

Si danneggiano i produttori, i consumatori e certamente si agevolano le truffe! La situazione sarebbe aggravata, sempre secondo la Coldiretti, dal permesso di poter portare in etichetta, per i vini da tavola, termini come Prosecco, Aglianico, Montepulciano; ledendo palesemente gli interessi di cantine e consumatori.

Insomma: siamo sulla via del caos.

Vota questo articolo
(1 Voto)

Lascia un commento






Newsletter/Iscriviti







Metti Mi Piace e segui la tua passione per il Vino