02 Apr 2016

In passato abbiamo già parlato di GDO, Private Label e di alcuni vini venduti alla Lidl, come il Gamay ed il Montepulciano “spinto” da Luca Maroni; oggi invece siamo a parlarvi della strategia di comunicazione dell’azienda che, in Italia, ha saputo conquistare il mercato dei discount.

Recentemente sono apparse alcune divertenti descrizioni sulle schede di alcuni vini:

- un Traminer “forse un po’ troppo dolce”

Traminer

 

- un Verdicchio “vegetale, sapido, amaro, un po’ di solforosa, ma risulta piacevole nel Poi c’è il complesso”  

Verdicchio 194x600

 

- la Malvasia frizzante “Delicatamente vegetale, mela, floreale, una bolla un po’ aggressiva, sa di poco però“.

Malvasia

 

- il Montepulciano bio è quello che ci ha sconvolti maggiormente: “naso dai tratti rustici, con sfumature di pelliccia, fuliggine“

- fino allo Zibibbo Terre Siciliane con “nota ridotta, salvia, alloro, attacco dolciastro, salvabile“

Zibibbo 223x600

 

Il tutto firmato da Gambero Rosso, molti “abitanti del mondo del vino” hanno storto il naso, ma lo avrebbero fatto comunque al sol pensiero di trovare un vino con una indorata descrizione su uno scaffale del Lidl; allora che importa, io almeno mi sono fatto una risata!

Le schede in questione sono apparse online e sui volantini creando meraviglia nel mondo enologico, che è stato accontentato della sincerità dopo il polverone dei vini francesi da discount; certamente una strategia mirata di Lidl; peccato che poi i vini in questione siano spariti, eccezion fatta per la Malvasia la cui scheda è cambiata!

Vota questo articolo
(3 Voti)

Lascia un commento






Newsletter/Iscriviti







Metti Mi Piace e segui la tua passione per il Vino