27 Mar 2016

Jef Bezos ed Amazon hanno portato innovazione e cambiamento in tantissimi campi: dalla vendita di libri fino a quella dei prodotti ultrafreschi, passando per il servizio Prime e la gestione eccellente di resi e sostituzioni.

 

Ora che sul noto portale cominciano ad essere in vendita prodotti acquistabili nei supermercati occorre però differenziarsi ed offrire qualcosa in più che porti lo shopper ad acquistare online e non più in un negozio fisico e non solo per una questione di tempo. 

Noi italiani certamente da buoni tradizionalisti romantici impiegheremo un po’ più di tempo prima di percorrere abitudinariamente le “corsie virtuali” tra gli scaffali del “supermercato Amazon”, ma per ora i player della GDO e DO quali ad esempio Esselunga, cominciano a temere il colosso statunitense ed a reagire cercando di approfittare della notorietà già acquisita nel settore e della fidelizzazione del cliente per perfezionare servizi simili.

Tra i prodotti venduti online c’è ovviamente anche il vino, già eterna cenerentola dell’e-commerce.

Amazon ha però pensato di offrire il servizio sommelier grazie al quale un professionista, come accade spesso in enoteche, hotel, ristoranti ed ipermercati, si occuperà di suggerire abbinamenti cibo-vino ed il nettare ideale da scegliere per occasioni particolari.

Gli interessati potranno chiamare il servizio Amazon Sommelier e scegliere tra 8.000 diverse etichette: ci manca solo che ce lo facciano provare!

Vota questo articolo
(3 Voti)

Lascia un commento






Newsletter/Iscriviti







Metti Mi Piace e segui la tua passione per il Vino