Eleonora Baldassini

Eleonora Baldassini

Eleonora 23 anni,Sommelier Master Class AIS delegazione di Roma. Sommelier ed organizzatrice di eventi e degustazioni nelle location più prestigiose di Roma.

“Il vino a denominazione di origine controllata «Frascati», anche nella tipologia «Spumante», deve essere ottenuto dalle uve dei vigneti aventi, nell'ambito aziendale, la seguente composizione varietale: Malvasia bianca di Candia e/o Malvasia del Lazio (Malvasia puntinata) minimo 70%; Bellone, Bombino bianco, Greco bianco,Trebbiano toscano,Trebbiano giallo da soli o congiuntamente fino ad un massimo del 30%. Le altre varieta' di vitigni a bacca bianca idonei alla coltivazione nella Regione Lazio, presenti nei vigneti, possono concorrere fino ad un massimo del 15% di questo 30%...” Così recita il disciplinare che regola la produzione del vino Frascati , vino vanto della regione laziale, per molti secoli insostituibile sulle tavole della nobiltà romana. L’etimologia della parola Frascati è da ricondursi probabilmente ad un elogio alla freschezza delle sue acque, oppure affonda le sue origini nella parola “frasca”, che secoli fa rivendicava agli abitanti del luogo il diritto di tagliare alberi ed arbusti. Ciò che è certo è l’entusiasmo dei produttori che nel corso degli anni è stato tale da rivalutare le varietà tipiche quasi dimenticate come la Malvasia del Lazio ,che veniva spesso sostituita con quella di Candia, resitente alle malattie ma di qualità inferiore , oppure l’interessante Bellone, impiegato spesso nella produzione dello spumante.

La nostra penisola vanta enormi ricchezze culturali a partire dalle grandi varietà di paesaggi , di città ,cittadine e borghi che raccontano storie leggende e tradizioni.
La coltivazione della vite fa parte della nostra storia millenaria , occupando verdi e fresche colline, terrazzamenti scoscesi o soleggiate isole.
Regione dopo regione abbiamo un susseguirsi di territori e cantine che simboleggiano l’Italia del vino , esaltando vitigni e terroir unici.
Un veloce viaggio alla scoperta di qualche ricchezza del vino italiano ,per scoprire un Italia che produce e si appassiona.


Nel vasto mondo del vino si cerca sempre di migliorare, per esaltare la qualità ed arrivare alla perfezione, senza perdere la naturalezza , parte integrante di questo meraviglioso nettare di Bacco.
Diversi studi nel corso degli anni hanno preso in esame l’ allevamento in vigna, la potatura, le tecniche di cantina e di affinamento, aprendo nuove frontiere e dividendo anche gli esperti in diverse correnti di pensiero.
Il preferire una tipologia di vino che esprime determinate sensazioni e gusti rispetto ad altre tipologie di vini diversi , è una questione puramente soggettiva. La qualità se presente si contraddistingue subito, al di là di tutte le preferenze che potrebbero influenzare il giudizio finale del prodotto.
Una nuova filosofia del “fare vino” è stata studiata e messa in atto da un team di esperti , i quali bandiscono solfiti aggiunti durante la vinificazione. Ma facciamo un passo indietro: 

cosa sono i Solfiti aggiunti? In che modo agiscono ?

Pagina 7 di 7

Newsletter/Iscriviti







Metti Mi Piace e segui la tua passione per il Vino