Alessandro Genova

Alessandro Genova

Sommelier professionista dal febbraio del 2005, sono soprattutto un appassionato a cui piace leggere e documentarsi a proposito dei territori, delle tecniche di degustazione e del meraviglioso mondo che ruota attorno al vino. E che ama ovviamente degustare.

Mi piace mantenere relazioni con produttori, enologi e appassionati come me e non disdegno l’approfondimento delle problematiche distributive e marketing della produzione e della commercializzazione del vino.

Non possiamo non passare dallo stand di Collavini, dove ci accolgono con simpatia e attenzione Manlio e Anna. Partecipiamo ad una straordinaria e inattesa verticale di quattro annate del Bianco Broy, uno dei fiori all’occhiello di questa bellissima realtà.
L’azienda di trova a Corno di Rosazzo in provincia di Udine, anche se le uve provengono dai comuni di San Floriano e Cormòns nel Collio. I terreni marnosi e calcarei sono particolarmente adatti alla produzione delle uve a bacca bianca tipiche della zona. Da questo terroir nasce quindi il meraviglioso Collio Bianco Broy, da uve Friulano e Chardonnay in prevalenza e, infine, da un 20% di Sauvignon blanc. Il Friulano e lo Chardonnay subiscono un breve appassimento in fruttaio a 6-8°C prima della vinificazione.


Facciamo parlare i vini.

Abbiamo partecipato ad un altro evento organizzato da Go Wine presso l’Hotel Quirinale di Roma, in occasione della presentazione della guida dell’associazione Cantine d’Italia 2014. Come sempre abbiamo incontrato produttori appassionati e degustato vini che ora vi raccontiamo.
Di Tenuta Le Velette che si trova ad Orvieto abbiamo provato uno splendido Grechetto Sole Uve 2012 che fermenta per metà della massa in legno e, che unisce le note floreali e i profumi di pesca e albicocca a una notevole freschezza in bocca.

Convincenti le due versioni di Soave della cantina Vicentini Agostino, l’appena imbottigliato Vigneto terre Lunghe 2013, con note di camomilla e in bocca con una evidente componente fresco-sapide; e il Superiore Il Casale 2012, frutto di una selezione e di una vendemmia tardiva, che unisce alle un aspetto cromatico più profondo anche un bouquet più articolato su note di tiglio e frutta bianca.

Cataldi Madonna, una delle più belle realtà vitivinicole d’Abruzzo si trova nei pressi di Ofena, nel cosiddetto Forno d’Abruzzo. E’ un piccolo altopiano a forma di anfiteatro situato appena al di sotto del Calderone, il ghiacciaio più meridionale degli Appennini. Questa particolare posizione della cantina fa sì che l’aria che spira dalla montagna rinfreschi le torride giornate estive, quando si superano i 40°C, favorendo escursioni termiche molto favorevoli per lo sviluppo degli aromi nelle uve.

L’azienda è situata territorialmente in un’enclave abruzzese che storicamente è stata legata alla dinastia dei Medici. Inizia a produrre vino negli anni ’20 del ventesimo secolo, ma imbottiglia da poco meno di quarant’anni grazie ad Antonio Cataldi Madonna, il padre dell’attuale proprietario. I quasi 30 ettari di vigneto sono ubicati a circa 400 m s.l.m. e sono condotti coltivando in prevalenza uve  autoctone quali Montepulciano, Pecorino e Trebbiano che in questa zona esprimono le loro migliori peculiarità. Per una produzione che si attesta attorno alle 250.000 bottiglie.

Newsletter/Iscriviti







Metti Mi Piace e segui la tua passione per il Vino